Sabina von Walther

Sabina von Walther è nata a Roma ed ha studiato all'Universität für Musik di Vienna con Helena Lazarska e Walter Berry, partecipando alle master classes di Dietrich Fischer-Dieskau e Leone Magiera. 

Ha iniziato la sua carriera in Austria, interpretando il ruolo di Clorinda nel Combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi sotto la direzione di Dennis Rusel Davies. Quindi è stata presente a Bregenz nei panni mozartiani della Contessa e di Donna Anna e ancora alla Wiener Kammeroper in quelli di Fiordiligi e di Pamina. Quindi è stata Liù nella Turandot e Lisa nel Paese del sorriso (diretta da Brigitte Fassbaender). 

Dal 2002 fa parte dell'ensemble dell'Opera di Norimberga e su quel palcoscenico è apparsa nei ruoli di Euridice (Orfeo di Gluck), Adina, Gilda, Micaela, Gerhilde (Die Walküre di Wagner), Annina (Eine Nacht in Venedig di Johann Strauss), Blanche (Les Dialogues des Carmelites di Poulenc). 

Nel 2004, sotto la direzione di Adam Fischer, Sabina von Walther è stata Sandrina ne L'infedeltà delusa di Haydn al Festival di Eisenstadt e l'anno seguente, al Ludwigsburger Schlossfestspiele, sotto la direzione di Michael Hofstetter, è stata Marzelline nel Fidelio. Riccardo Muti l'ha voluta come Asterio nell'Europa riconosciuta di Salieri, opera che ha inaugurato la stagione 2004/05 del Teatro alla Scala (regia di Luca Ronconi). E ancora: la Contessa nelle Nozze di Figaro (Teatro Argentina a Roma), Prima Dama nella Zauberflöte (Teatro Regio a Parma), Freia nel Rheingold, sotto la direzione di Zubin Mehta e nel nuovo allestimento de La Fura dels Baus (Palau de les Arts "Reina Sofia" a Valencia, Maggio Musicale Fiorentino), Gerhilde in Die Walküre con Stefan Anton Reck (Bari). 

Numerose sono le partecipazioni in ambito concertistico, dalle Passioni di Bach al Messia e a St. Cecilia Odes di Haendel, da Die Schöpfung di Haydn al Requiem e varie Arie di Mozart; e ancora: Stabat Mater di Rossini, Lazarus di Schubert, Paulus di Mendelssohn, IV Sinfonia di Mahler (Bregenzer Festspiele), Les Illuminations di Britten (Wiener Musikverein), Szenen aus Goethes Faust di Schumann e Sommernachtstraum di Mendelssohn (Teatro Regio di Parma). 

E' stata protagonista nei lavori teatrali del marito, il compositore Arnaldo de Felice: Akumu (Zürcher e Münchner Festspiele) Medusa (Stadttheater Bozen con la Bayerische Staatsoper), Il Gigante egoista con la direzione di Gustav Kuhn (Stadttheater Bozen, Teatro di Trento). Tra i più recenti impegni vanno ricordati il Te Deum di Bruckner con Zubin Methta, la Terza Sinfonia di Gorecki, l'Alzira di Verdi (Theater St. Gallen), la 9.Sinfonia di Beethoven al Teatro delle Muse di Ancona e:

2012: Venezia, Teatro Fenice, Nozze di Figaro (Contessa), dir. Antonello Manacorda, regia Damiano

2013: Torino, Piazza San Carlo, Orchestra della Rai, 9. Sinfonia di Beethoven, dir. Juraj Valchua

2013: Vaticano, Sala Nervi, Orchestra della Rai, 9. Sinfonia di Beethoven, dir. Juraj Valchua

2013: Erl, Festspielhaus, Nozze di Figaro (Contessa), dir.regia di Gustav Kuh

2014: Pordenone, Teatro Verdi, Orchestra Haydn, Dvorak / Stabat Mater, dir. Hartmut Haenche

2014: Pisa, Festival Anima Mundi, Duomo, Orchestra Haydn, Dvorak / Stabat Mater, dir. Hartmut Haenchen

2014: Bolzano, Trento, Rovereto, Orchestra Haydn, IX Sinfonia di Beethoven, direttore Arvo Volmer

2015: Merano, Settimane Musicali Meranesi, Recital, pianoforte Helmut Deutsch

2015: Bologna, Teatro Comunale, Elektra/ (Chrisotemis), direttore Lothar Zagrosek, Regia Guy Joosten

2016: Milano, Auditorium Mahler, Orchestra Verdi IX Sinfonia di Beethoven, direttore Xian

2016: Milano, Auditorium Mahler, Orchestra Verdi, Dvorak / Stabat Mater, direttore Claus Peter Flor


recensioni

Die Presse
"… Die große Entdeckung des Abends war Gräfin Sabina von Walther mit edler, wunderschöner Stimme und starker Bühnenpräsenz, ihre Gräfin wusste die Männer wahrlich in ihre eigenen Fallen tappen zu lassen"


Teatro Comunale di Bologna - ELEKTRA / direttore Lothar Zagrosek, regia Guy Joosten, 2015
Ape musicale - Roberta Pedrotti

”Ne è valsa la pena, diciamolo subito (sentire il 2. cast) constatando la sostanziale omogeneità di resa, pur con diverse personalità. La von Walther ha saputo tratteggiare un personaggio vibrante nella sua delicatezza, nel suo anelito di normalità senza speranza, con una freschezza fanciullesca che prende corpo da un'evanescenza infantile fino all'attonita consapevolezza di fronte al precipitare della tragedia.”

11/2015

Liricamente.it  - William Fratti

"Bravissima anche la Crysothemis di Sabina Von Walther, che col suo canto raffinato e al tempo stesso impaurito, cerca di mantenere un collegamento stabile tra l’ira accecante di Elektra e la rabbia intimorita della madre. Davvero pregevole la resa dei cantabili nel primo duetto con Elektra."

25.11.2015

Opera World - Mirko Bertolini

"Giustamente più delicata è stata la Chrysothemis di Sabina von Walther; un soprano lirico dalla bella voce e dalle ottime qualità a cui si unisce la positiva interpretazione scenica.”
21.11.2015

La rubrica dell'impiccione viaggiatore - Andrea Merli

"....eccezionali le tre donne.... Ottimo soprano lirico, con bella tenuta in acuto, Sabina Von Walther, Crisotemide"

novembre 2015
https://www.youtube.com/watch?v=ogE9PP8vjjA