Jeffrey Tate

Nato a Salisburgo, studia medicina all’Università di Cambridge, ma la passione per la musica prevale e nel 1970 entra nello staff del Covent Garden. 

Nel 1976 è assistente di Pierre Boulez a Bayreuth, dopo un’esperienza a fianco di Karajan a Salisburgo, esordisce nel 1978 all’Opera di Göteborg con Carmen. L’enorme successo di questo debutto segna l’inizio di una fulminea e fortunata carriera, che lo porta nei più prestigiosi teatri d’Opera internazionali: Paris Théâtre du Châtelet, per Lulu e Peter Grimes; Opéra Bastille, per Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny, Wozzeck, Billy Budd; Palais Garnier, per Così fan tutte; Londra Covent Garden, per Idomeneo, Manon, Così fan tutte, Capriccio, Carmen, Lohengrin, Les Contes d’Hoffmann e Fliegender Holländer; New York Metropolitan, per Don Giovanni, Lulu, Mahagonny; Génève Grand Théâtre, per Lulu, Nozze di Figaro, Turn of the Screw e Ariadne auf Naxos; Wiener Staatsoper, per Rosenkavalier. Dirige inoltre un importante Ring a Köln e poi a Parigi con l‘Orchestre National de France, ripreso dalla Australian Opera di Adelaide. 

In Italia il M° Tate è stato Primo direttore ospite e poi Direttore onorario dell’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino, dove ha diretto fra l’altro Oedipus rex, Die Schöpfung e Die Meistersinger von Nürnberg. 

Nel 2002 il suo debutto al San Carlo di Napoli, con l’opera Königskinder di Humperdinck, gli vale il premio della critica musicale italiana “Franco Abbiati”. Nominato Direttore musicale, rimane al San Carlo fino al 2010 e dirige, oltre a numerosi concerti, Le Nozze di Figaro, Die Walküre, Falstaff, Candide, L’Enfant et les Sortilèges, Peter Grimes e Entführung aus dem Serail. A Roma dirige Der fliegende Holländer e Hänsel und Gretel, a Torino, Ariadne auf Naxos, Capriccio, alla Scala, Peter Grimes, Rosenkavalier, Tannhäuser e Ariadne auf Naxos, a Venezia, Walküre, Siegfried, Götterdämmerung, Idomeneo. 

In campo sinfonico Tate ha diretto e continua a collaborare con tutte le più importanti e prestigiose orchestre internazionali. Ha al suo attivo un’ampia e prestigiosa discografia. 

La Francia gli ha conferito i titoli di Chevalier de la Légion d’Honneur e di Chevalier des Arts et des Lettres, l’Inghilterra quello di Commander of the British Empire.


discografia

- Arabella, Hänsel und Gretel, Les Contes d’Hoffmann, Lulu di Mozart 

- Concerti per pianoforte con Mitsuko Uchida di Mozart

- Sinfonie con English Chamber Orchestra di Elgar

- le più importanti composizioni per orchestra con la London Symphony Orchestra

- Sommernachtstraum con i Rotterdamer Philharmoniker di Mendelssohn


recensioni

www.gothicnetwork.org di Livia Bidoli e Teo Orlando

"Jeffrey Tate ha offerto non solo una performance entusiasmante (con il significato profondo greco: enthousiasmós [ἐνθουσιασμός]  cioè avere gli dei dentro di sé) e di grande trasporto per il pubblico insieme all'Orchestra Giovanile Italiana della Scuola di Musica di Fiesole, ma ha anche concluso con un bis su richiesta di un pubblico trascinato dalla sua enorme energia tutta devoluta alla grande madre musica, con un brioso AnAmerican in Paris di Gershwin dalla gloriosa Età del Jazz."

16.07. 2015

Umbria 24  

"Grande successo per il Concerto finale del Festival di Spoleto nella gremita cornice di piazza Duomo dove l’Orchestra giovanile di Fiesole diretta dal maestro Jeffrey Tate ha eseguito la Sinfonia n. 8 in si minore Incompiuta di Franz Schubert e Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98 di Johannes Brahms. Lungo l’applauso che le oltre 2.500 persone presenti hanno riservato ai giovani musicisti della prestigiosa istituzione toscana e al direttore d’orchestra inglese."

12.07.2015